LegacoopServizi,News

05 agosto 2015

Legacoop Toscana “adotta” il Parco dell’Anconella

Parco_Anconella

Legacoop Toscana “adotterà” il Parco dell’Anconella, uno dei polmoni verdi della città distrutto dalla tromba d’aria del 1° agosto. Le cooperative associate a Legacoop e i loro soci finanzieranno le spese per il ripristino del parco e nelle operazioni saranno coinvolte le cooperative forestali e quelle di settori affini.

All’indomani del nubifragio che in pochi minuti ha provocato danni per milioni di euro in città, il sindaco Dario Nardella aveva lanciato un appello affinché si mettesse in moto la “macchina della solidarietà”. Poche ore dopo il mondo cooperativo ha risposto: Legacoop si farà carico degli interventi necessari al Parco dell’Anconella, dove circa 150 alberi sono caduti per il maltempo. Le forme di intervento verranno decise a breve e l’obiettivo è quello di restituire il parco alla città il prima possibile.

“Vediamo la città colpita profondamente dalla tempesta di sabato scorso, sia a livello materiale, sia a livello emotivo – ha detto Roberto Negrini, presidente Legacoop Toscana – per questo abbiamo deciso di dare immediatamente il nostro contributo. Il parco dell’Anconella è un pezzo di storia della città ed è il polmone verde di tanti fiorentini. Appena terminati i lavori per rimuovere le piante cadute inizieremo ad occuparci di ripiantare gli alberi per ridare forma al parco”.

La campagna di Legacoop per il recupero del parco dell’Anconella ha subito raccolto il sostegno di Cft. “Rispondiamo all’appello del presidente di Legacoop Toscana Roberto Negrini ‒ ha detto Leonardo Cianchi, presidente di Cft ‒ e, in attesa di definire con Legacoop le modalità di intervento, ci impegniamo da subito a promuovere, fra i soci che vorranno, la possibilità di donare almeno la contribuzione di un’ora di lavoro per il polmone verde di Firenze Sud. Cooperare, infatti, significa anche condividere e tutelare il patrimonio di tutti: Cft si mobiliterà in tutti i modi possibili per l’Anconella, per restituire alla città il suo parco, ancora più bello di prima”.

Argomenti: , , , , , , , ,